Mens sana in corpore sano. Lo sport come driver educativo al tempo dei social network

Prioritalia

Goal4
Quando

mercoledì 06 giugno 2018 h. 18:30-20:30

Descrizione

L'evento è il 3° di un ciclo di 3 eventi che si propongono come esperienze+dibattito su alcuni asset fondamentali dell'educazione oggi: la gestione costruttiva di web e social, l'educare oggi, in una realtà sempre più complessa, mutevole e accelerata, lo sport come driver di cambiamento e per veicolare contenuti come solidarietà, team, inclusione, pazienza del risultato, impegno costante.

3) Mens sana in corpore sano. Lo sport come driver educativo al tempo dei social network

In una società iperconnessa, accelerata e dai contorni sempre più fluidi e incerti, esistono una serie di effetti collaterali che – accanto alle indiscutibili opportunità che la rete offre – rappresentano elementi critici su vari fronti: a livello individuale, l’identità traballa, indebolita dagli eventi contingenti e dalla sovresposizione ad un confronto con gli altri che è spesso fuori misura; a livello collettivo, aumentano i fenomeni di polarizzazione cioè gli ESTREMISMI, economici o ideologici, dunque le INTOLLERANZE. La diseguaglianza è in crescita, e la vera sfida del futuro sembra essere gestire al meglio le infinite DIVERSITÀ portate dalla globalizzazione. In questo contesto, lo SPORT rappresenta uno strumento incredibile di riequilibrio sociale, ponendo tutti sulla stessa riga di partenza e offrendo a tutti la possibilità di competere sulla base del proprio talento, impegno e determinazione. Lo sport non discrimina per censo, per genere o per Q.I. ma permette a tutti di confrontarsi in base al MERITO. Rappresenta dunque un vettore educativo potente, capace di veicolare contenuti universali quali: impegno, costanza, pazienza, rispetto, lavoro di squadra, lealtà, amicizia.

Introduce e modera: Letizia Ciancio

Parleremo di:

Sport e istituzioni: l’impegno sul territorio
EMILIANO MONTEVERDE, Assessore alle politiche sociali Municipio Roma I Centro.

Sport e sviluppo umano: impegno, costanza, sacrificio, spirito di squadra
MASSIMO VALLATI, Presidente Fondazione Calcio Sociale

Sport e inclusione: gestione della diversità e contrasto agli stereotipi
ANGELA COCOZZA, Coreografa, Presidente Ali Onlus, ideatrice del TERMINI UNDERGROUND

Sport e teambuilding: sport individuale e sport di squadra
ALESSANDRO VERGENDO, Segretario AFRU (Ass. Facilitatori Risorse Umane), Formatore AIF e
Counselor SICo di varie squadre nazionali italiane ed estere

Contatti

Letizia Ciancio 

Note

CONSAPEVOL-MENTE è un ciclo di tre eventi su alcuni aspetti basilari, tra loro interdipendenti, dell’educazione attuale:

  1. il buon governo del WEB e delle nuove tecnologie;
  2. ridefinire l’EDUCAZIONE in una realtà sempre più complessa, mutevole e accelerata;
  3. lo SPORT come driver di cambiamento e strumento facilmente adattabile per veicolare importanti contenuti educativi come impegno, attesa, solidarietà, spirito di squadra, inclusione, ecc.

Viviamo in un’epoca molto complessa, per la combinazione tra un eccesso di stimoli da un lato, e la progressiva rarefazione del nostro tempo dall’altro: tempo utile a capire, scegliere, costruire relazioni di fiducia solide. Questa complessità richiederebbe una cura sempre maggiore degli strumenti a nostra disposizione per governare i processi cognitivi ed emotivi, e una capacità importante di saper educare individui psichicamente stabili e affidabili. Viceversa le agenzie educative di sostegno (famiglia e scuola) sono sempre più fragili; i corpi intermedi stanno scomparendo e con essi la possibilità di affidarci a pareri più competenti senza disperdere energie; il tempo poi non è dalla nostra parte! Cosa possiamo fare dunque?
Occorre ripartire da alcuni “Fondamentali”: la CAPACITÀ DI SCEGLIERE tra le infinite opzioni, rinunciando a qualcosa, in funzione di un obiettivo; la capacità di DEFINIRE DEGLI OBIETTIVI realistici e misurabili in grado di consentire una maggiore concentrazione delle energie evitando dispersioni; la capacità di DISEGNARE UN PROGETTO DI VITA SIGNIFICATIVO, che permetta una pianificazione di lungo periodo e il consolidamento di basi forti e durature. Dobbiamo aiutare simultaneamente bambini/giovani e adulti/genitori, a sviluppare una maggior CONSAPEVOLEZZA di sé, delle proprie motivazioni, interrogandoli sul SENSO che attribuiscono alle loro scelte e sugli OBIETTIVI A LUNGO TERMINE che intendono perseguire. Siamo tutti risucchiati in un iper-presente, che ci sta privando della capacità di pensare in modo strategico e proiettato nel tempo. E tutto ciò influisce sulla capacità, soprattutto dei ragazzi, di costruire e stabilizzare un’identità consistente e tale da resistere in modo resiliente ai grandi cambiamenti in atto, dotandoli degli strumenti necessari a diventare adulti realizzati.

GLI EVENTI
Scopi: 1) informare sull’Agenda 2030, 2) stimolare riflessioni e dibattito tra pubblico e relatori, in relazioni ai temi “educational” caldi, 3) produrre sollecitazioni da riportare al legislatore, come contributo dei diversi stakeholder a conclusione del festival.
Modello: ogni evento avrà uno schema standardizzato, in funzione del doppio livello di obiettivo (contenuto e cornice): una breve INTRODUZIONE (10mn), in cui si dovrà contestualizzare l’evento all’interno del Festival e di ASviS, spiegando brevemente in cosa consiste l’Agenda 2030, quali sono i 17 SDGs e in che modo si legano tra loro; uno SVILUPPO  (3x15mn) CON DIBATTITO (30mn) una CONCLUSIONE (5mn) in cui si traduce il dibattito in suggestioni concrete, da riportare – attraverso la voce di ASviS – al legislatore. In questo modo si realizza una sorta di stakeholder engagement.

Media e social
Sito web organizzatore > http://www.prioritalia.it
Dove
Sala Eventi c/o Nuovo Mercato Centrale - Via Giolitti 34 - Roma
CON IL CONTRIBUTO DI